Il grande stadio era ancora vuoto e l’azzurro uniforme del fondo rilassava la vista. Si chiamava “Urano”, lo stadio, in memoria del suo fondatore ed era veramente… stellare. La sua forma, unica nel suo genere, era stata pensata per favorire l’atletica, soprattutto la corsa, e per ospitare manifestazioni spettacolari, sia di giorno che di notte, in modo che tutto il panorama all’intorno fosse coinvolto…