Pubblicati da admin

C’È UN FRATE SCULTORE IN CONVENTO – cap. XI – IL NANO

Risalii al convento, con fatica. Pesava il passo, per un senso d’incompiuto, non più giustificato dopo le rivelazioni di Alberto. Elisabetta, Alberto e Anselmo, vertici del triangolo umano fino a quel giorno confuso, apparivano ora ben collegati. Era più agevole valutare i fatti e le reciproche influenze. Invece di cercare di raffinare i dubbi rimasti […]

C’È UN FRATE SCULTORE IN CONVENTO – cap. X – RIVELAZIONI

«Contento della rinascita di Anselmo?» chiesi ad Alberto, già pronto a partire verso la sua nuova sede, con una semplice borsa come bagaglio. In attesa del taxi, sedevamo su una panchina del viale, sotto quel mandorlo già testimone di una triste separazione.  «Sì, ma, purtroppo, la storia non è finita!»  «Non capisco.»  «Tu, professore, non […]

C’È UN FRATE SCULTORE IN CONVENTO – cap. IX – VERITA’

La storia di Carla mi colpì, soprattutto per la sua estraneità al moderno che vivevo, sebbene in parte ripudiato. “Roba da ottocento!!” pensai “allora, infanti esposti nel portone delle chiese, erano pretesto per ogni sorta di prodotto letterario e cinematografico destinato al pubblico femminile!”. Proprio per questa inattualità però la cosa mi turbava. E m’interrogavo. […]

C’È UN FRATE SCULTORE IN CONVENTO – cap. VII – TORNA L’ARTE

Fui avvisato da un amico di passaggio che, per il prossimo Natale, sarei stato onorato di una visita da parte di vecchie conoscenze che, complici le buone previsioni meteo, avevano deciso di verificare se facessi quella “buona vita” che si diceva. Cinque in tutto, me compreso. Non potevo rifiutami, pena chissà quali sospetti! Dall’unico bar […]

C’È UN FRATE SCULTORE IN CONVENTO – cap. VI – CONCERTO

Dopo un paio di settimane circa, durante le quali non avevo più visto passare Anselmo sotto casa, domenica di buonora, stavo sistemando in cantina la mia piccola provvista di insaccati maialeschi appena acquistati da Fernando il contadino. Operazione rituale e sacra quella di attaccarli ai ganci del soffitto, piena di inconsci richiami all’antico, quando la […]

C’È UN FRATE SCULTORE IN CONVENTO – cap. V – BRIGANTI?

La festa pian piano si spense col calare della sera. Lasciato il convento, meta nel pomeriggio di numerose visite alle quali Anselmo fece fronte con crescente confidenza, raggiunsi casa rimuginando nel cammino le novità del giorno. Non ero più riuscito a parlare col novizio che si era ritirato in biblioteca. Cenai in fretta e mi […]

C’È UN FRATE SCULTORE IN CONVENTO – cap. IV – FESTA

Che fosse il giorno del patrono del vicino paese lo si capiva anche da lassù. Un sordo trambusto raggiungeva il convento cavalcando una brezza mattutina odorosa di cucina e di chiesa. Era quella che può definirsi una bella giornata di fine autunno con un sole infiacchito ma generoso nel mostrarsi. Prima di giungere al convento […]

C’È UN FRATE SCULTORE IN CONVENTO – cap. III – FANTASMI

L’attività di restauro per il ripristino della casetta colonica fu frenetica. Dopo un mese, con l’aiuto di un muratore, riuscii ad abitarla. La trovai accogliente sebbene un po’ spartana in fatto di servizi igienici ricavati da un angolo della stalla (fino ad allora erano all’esterno) e di riscaldamento affidato ad un unico caminetto in cucina. […]

C’È UN FRATE SCULTORE IN CONVENTO – cap. II – SCOPERTE

Da pochi giorni mi ero trasferito dalla città a una vecchia casa colonica acquistata dalla Curia con un po’ di terreno agricolo coltivato a olivi e viti. Più che un trasferimento era una fuga da tutti quei problemi che nascono quando si è troppo “prossimi” con gli altri. Ero intenzionato a far rivivere quel luogo […]